Redmi Note 10 Pro, la recensione @TheGeekerz

Redmi Note 10 Pro

329.90
8.2

Fotocamera 108 Mpx

9.5/10

Display

9.0/10

Autonomia

8.0/10

Design

7.5/10

Prezzo

7.0/10

Pros

  • Display
  • Fotocamere
  • Display
  • Autonomia
  • Prestazioni

Cons

  • Prezzo
  • No 5G
  • Always-on-Display
  • Sensore prossimità
  • Video 4K

Dopo aver visto come funziona il suo comparto fotografico, ecco a voi la mia recensione del Redmi Note 10 Pro, un ottimo mid-level.

AGGIORNAMENTO: Per tutti coloro che guardano il video. Ho commesso tre errori: il display è da 6,67 pollici e non 6,4. Il peso è pari a 193 grammi e non 176. Il processore è lo Snapdragon 732G. Chiedo scusa.

Redmi Note 10 Pro, la confezione

Molto elegante la scatola di vendita, anche se la foto sulla confezione è sempre la stessa quale che sia il colore del dispositivo. All’interno troviamo caricatore rapido da 33 Watt, cavo USB “C”, cover in silicone opaco (dalla quale ho eliminato lo scomodo “sportellino” che copre la presa USB) e pin per il cassetto delle SIM/MicroSD.

Costruzione, Materiali, Design, Ergonomia

Pur appartenendo alla fascia mid-level del mercato, il Redmi Note 10 Pro è uno smartphone che, nonostante un design semplice, risulta molto elegante, soprattutto nella colorazione Onyx Gray che ho in prova. Da sottolineare una certa coerenza (finalmente) di stile con altri modelli della casa, anche se il rovescio della medaglia è la non immediata identificazione dello smartphone. A parte il frame in plastica, il Redmi Note 10 Pro è costruito interamente in vetro, scelta che non influisce, in ogni caso, sul peso, comunque contenuto in soli 193 grammi. Intendiamoci, non è un dispositivo campione di ergonomia e maneggevolezza, date le sue dimensioni ma, per fortuna, resiste bene alle ditate e, grazie alla cover in dotazione, non scivola dalle mani. Annotazione negativa per la pellicola pre installata che, come su altri modelli della casa, rende difficoltose le gestures e tende attirare un sacco di polvere.

Hardware & scheda tecnica

Nonostante il processore Snapdragon 732G non sia proprio una novità, il Redmi Note 10 Pro riesce a dire la sua nell’affollato settore ricco di concorrenti (a volte parenti stretti, visti gli innumerevoli marchi di Xiaomi). La versione in prova è un 6/128 GB (RAM/memoria) con slot per MicroSD che permettere di espandere ulteriormente lo spazio a disposizione senza, un applauso per la scelta, rinunciare ad una delle due SIM supportate. C’è tutto quello che serve ed anche qualcosa in più, come la porta IR ed il chip NFC. Ottima la scelta di dotare il Redmi Note 10 Pro di audio stereo con due speaker specifici, senza utilizzare la capsula auricolare. Molto veloce il sensore per le impronte digitali sul tasto di accensione. Pessimo, come sempre capita su quasi tutti gli Xiaomi, il comportamento del sensore di prossimità.

  • Display: Super AMOLED, 6,4 pollici, FullHD+
  • Processore: Snapdragon 720G
  • Scheda Grafica: Adreno 618
  • RAM: 6/8 GB
  • Memoria: 128 GB espandibile con MicroSD
  • Sistema operativo: Android 11, realme Ui 2.0
  • Fotocamere posteriori: principale da 108 Mpx, ultra grandangolare da 8 Mpx, macro da 2 Mpx, profondità da 2 Mpx
  • Fotocamera anteriore: 16 Mpx
  • Connettività: USB “C” 2.0, Jack audio 3,5mm, Bluetooth 5.0, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, GPS, NFC, LTE 4G, doppia SIM
  • Sicurezza: sensore impronte sotto al display, sblocco con riconoscimento 2D del volto.
  • Batteria: 4500 mAh, ricairca rapida a 50 Watt
  • Dimensioni: 160.6 x 73.9 x 8.1 mm
  • Peso: 176 gr

Software

Il Redmi Note 10 Pro arriva sul mercato con Android 11 e, in attesa della MIUI 12.5, con la versione 12.0.13 della famosa interfaccia proprietaria. Le patch di sicurezza, come vedete dalla foto, sono quelle dello scorso mese di Marzo. Si tratta del “solito” SW ricco di funzioni (doppio account, Turbo Gaming-Mode, applicazioni in finestra, ecc) e personalizzazioni. Come spesso capita con i dispositivi Xiaomi, si fa notare la pubblicità un po’ troppo invasiva e, alla prima configurazione qualche app pre installata di troppo, comunque facilmente eliminabile.

Comparto fotografico

Prova completa del comparto fotografico QUI.

Prestazioni, autonomia e multimedialità

Partiamo subito da una delle componenti migliori di questo Redmi Note 10 Pro, ovvero il suo display. Si tratta di un AMOLED da ben 6,7 pollici in risoluzione FullHD+ e refresh-rate a 120 Hz, davvero tanta roba. Per risparmiare batteria, la modalità automatica adatterà la frequenza di aggiornamento quando non serve un refresh elevato. È molto luminoso nonostante il già citato fastidio della pellicola installata in fabbrica. Supporta l’HDR10+ ed è dotato di Always-onDisplay che però, come detto nell’articolo di presentazione, non può essere lasciato sempre attivo, vanificandone in questo modo l’utilità. Ottimo l’audio dei due speakers, anche se non particolarmente potente nonostante la scelta di due altoparlanti dedicati. Con Asphalt 9 non ci sono grossi problemi se non qualche sporadico “salto” di frame. Ho già “maledetto” abbastanza il sensore di prossimità per cui non mi resta che elogiare la batteria da 5020 mAh, che permette di arrivare senza problemi ad un giorno e mezzo di utilizzo. Decisamente ridotti i tempi di ricarica grazie all’alimentatore da ben 33 Watt. Praticamente inesistenti i lag nell’uso normale.

Connettività e comparto telefonico

Non manca proprio nulla a questo Redmi Note 10 Pro in termini di connettività se non, a voler cercare il pelo nell’uovo, la connessione 5G ma, vista la disastrata situazione italica, non è cosa che faccia gridare allo scandalo. Ottima (per me) la scelta di mantenere il Jack audio da 3,5 mm; il Bluetooth è in versione 5.1 e la presenza dell’NFC garantisce la possibilità dei pagamenti wireless. Nessun problema di tenuta del segnale con l’operatore Poste Mobile che uso sui telefoni in prova.

Redmi Note 10 Pro, considerazioni finali

Redmi Note 10 Pro è lo smartphone perfetto per tutti coloro che sono alla ricerca di un dispositivo dalle buone prestazioni, con un display d’effetto ed un comparto fotografico di assoluto livello. La dotazione HW e SW permetterà di sfruttare il dispositivo a lungo, se siete fra coloro i quali non cambiano il telefono ogni anno. Sperando che un aggiornamento dedicato risolva in fretta i problemi del sensore di prossimità, c’è da dire qualcosina sul prezzo di vendita che, oltre a vedere il modello in prova al momento non disponibile sul sito MiStore, crea un po’ di confusione all’utente che deve scegliere fra le varie versioni. In teoria, sul sito ufficiale Mi.Com, il Redmi Note 10 Pro di questa prova è venduto a 329,90€. Per soli 20€ in più, però, si può acquistare la versione 8/128 GB, mentre la versione Special Edition Gradient Bronze è in vendita, stranamente, allo stesso prezzo del modello fra le mie mani. Il miglior prezzo della versione 6/128 GB che ho trovato on-line è QUESTO, a soli 249 Euro. Attenzione però, perchè si tratta della versione europea.

Scritto da

Coordinatore Infermieristico per professione... Blogger per passione. Devo aggiungere altro?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: