LG Q8

LG Q8 uno smartphone da provare e capire

LG Q8 è un terminale che, come dice il titolo, bisogna provare a lungo per capirne il senso. Altrimenti si rischia di catalogarlo solo come una “strana” operazione commerciale di LG per portare in Europa un modello uscito quasi un anno fa in Giappone per l’operatore NTT DoCoMo con il nome di V34.

LG Q8

Partiamo subito dal prezzo con cui LG Q8 è arrivato sul mercato, peraltro in esclusiva su Amazon: 599€. Se non ci fosse stato il G6, presentato a Barcellona solo tre mesi prima, un prezzo neanche tanto fuori mercato, visto che in cambio si ottiene un terminale che presenta una scheda tecnica niente male:

  • Schermo: 5,2” QHD IPS (1.440 x 2.560 pixel) con display secondario “Assistant Screen”
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 820
  • RAM: 4 GB LPDDR4
  • Memoria interna: 32 GB UFS espandibili (con microSD fino a 2 TB)
  • Fotocamera posteriore: 16 megapixel (standard) + 8 megapixel (grandangolo da 135°)
  • Fotocamera frontale: 5 megapixel wide (120°) f/1.9
  • Connettività: LTE, Wi-Fi 802.11 a, b, g, n, ac, Bluetooth 4.2, NFC, USB Type-C
  • Batteria: 3,000 mAh (non removibile) con ricarica rapida
  • Dimensioni: 149 x 71.9 x 8 mm
  • Peso: 146 g
  • OS: Android 7.0 Nougat

Peccato che, a quel prezzo, ci si possa mettere in tasca un Galaxy S8 che, non ce ne voglia LG, è decisamente un’altra cosa. Tanto è vero che il noto store on-line ha provveduto, dopo solo qualche settimana, a riposizionarlo ad un prezzo di 399€, decisamente più coerente con quanto offre questo dispositivo. In ogni caso, LG Q8 ha qualche carta da giocare nell’infinito spazio della fascia media di mercato

LG Q8, uno smartphone per amanti delle fotografie

LG Q8

Il design e lo stile di LG Q8 ricalcano quanto la produzione del brand coreano ha proposto negli ultimi anni. In un telaio di alluminio che, per le misure principali è anche meglio del G6, troviamo un bel display da 5,2 pollici con risoluzione QHD sormontato da un display secondario che fece il suo esordio nel V10 di tre anni fa. Si impugna e si manovra molto bene anche senza cover e, dopo la pessima esperienza con il G6, un plauso ad LG per l’ottimo trattamento oleofobico dedicato al display. La memoria interna da “soli” 32 GB, per quanto espandibile con MicroSD fino a 2 TB, tradisce l’età del progetto, visto che i principali competitors, ormai, partono da almeno 64 GB.

Ma torniamo per un momento alla sezione foto/video.

LG Q8

In attesa di sottoporre le tre fotocamere (le due principali riprese pari pari dal V20), scopriamo che LG Q8 è un terminale che non ha nulla da invidiare, in quanto a dotazione, a ben più blasonati concorrenti. Non manca assolutamente nulla: da una ricca sezione manuale, che permette di impostare a proprio piacimento i parametri principali, ad un interfaccia ricca e facilmente gestibile, fino ad arrivare alle spettacolari possibilità offerte dall’accoppiata obiettivo grandangolare (135°)/obiettivo standard. Visti i risultati ottenuti con G6, buoni ma decisamente sotto le aspettative, non vedo l’ora di vedere come si comporta il nostro LG Q8. La dotazione HW prevede tutto quanto necessario su uno smartphone che fa del “business” la vocazione principale: Wi-Fi dual band, NFC, 4G LTE, ecc. La versione di Android è Nougat 7.0 gestita, come sempre, dall’interfaccia UX, qui nella versione 5.0. Sto usando LG Q8 da due giorni come dispositivo aziendale e devo dire che ne sono positivamente colpito: veloce, senza lag apparenti e molto reattivo anche dopo tante ore di utilizzo. Vedremo se queste sensazioni saranno confermate dalla recensione completa che arriverà, come sempre, dopo averne sviscerato tutti gli aspetti.

Stay tuned!

LG Q8

Scritto da

Coordinatore Infermieristico per professione... Blogger per passione. devo aggiungere altro?

Ti potrebbe interessare anche...