Huawei

Huawei sceglie TomTom come alternativa a Google Maps

Non sorprende che Huawei stia iniziando a porre basi più concrete per posizionarsi ad una distanza di sicurezza da Google e dal suo ecosistema di G Apps.

Da mesi e mesi siamo infatti tutti al corrente che il colosso cinese è al lavoro sul suo OS proprietario, anche se già da agosto si era tenuti a precisare che Android sarà la prima scelta di Huawei fino all’ultimo.

Google Maps

Già, fino all’ultimo… Perché la questione con Google è tutt’altro che risolta e tiene ancora un po’ tutti sulle spine. Soprattutto in un contesto tecnologico dove l’ecosistema la fa da padrona. Huawei può avere in cantiere pure HarmonyOS, ma senza una valida alternativa alle G Apps, ci si ritrova “in braghe di tela“.

Non per niente sfido chiunque con uno smartphone basato Android ad affermare che alla lunga non prediliga l’utilizzo delle G Apps, in alternativa a quelle sviluppate dal produttore (sarò felicissimo di essere smentito, ma credo non da molti…). Oltre al fatto che ad alcune di queste app non vi è assolutamente alternativa (es. YouTube…non provate a dire Vimeo… NO!).

[adrotate banner="10"]

Fatto sta è che, se Huawei vuole davvero muoversi nella direzione di essere realmente pronta al peggio, qualche partner rilevante deve salire a bordo. Questo è quello che infatti sta accadendo.

TomTom

Nell’ottica di avere una valida e affidabile alternativa a Google Maps, Huawei ha infatti siglato un accordo di collaborazione con il colosso olandese TomTom, per molti sinonimo diretto del termine “navigatore”.

Ovviamente per TomTom nulla cambierà, nel mondo mobile rimarrà comunque un prodotto stand alone, con le sue app dedicate sia su Android che iOS. Sarà invece Huawei che svilupperà le propria App di navigazione sfruttando le mappe, le informazioni del traffico e i differenti strumenti offerti da TomTom. Nulla di nuovo per TomTom, dato che l’azienda di Amsterdam è anche già data provider per Apple Maps.

Di sicuro è un piccolo passo per Huawei per tagliare ulteriormente il cordone ombelicale da Big G, che inizia con un grande partner.

fonte