realme X3 SuperZoom, prova comparto fotografico

Man mano che passano i giorni, devo dire che realme X3 SuperZoom si sta rivelando un ottimo prodotto del quale, oggi, proviamo il comparto fotografico nel classico test foto & video.

realme X3 SuperZoom, dotazione top ma con qualcosa ancora da migliorare

Il comparto fotografico di realme X3 SuperZoom, è un insieme di tecnologia che, fino ad un paio di anni fa, era appannaggio dei dispositivi top di gamma. Oggi che la battaglia a suon di vendite si è spostata sul variegato ambito dei mid-level, i modelli si arricchiscono sia in termini di HW (sensori e lenti) che in quelli SW (features e funzioni). Da questo punto di vista realme X3 SuperZoom non si fa mancare nulla! Le quattro fotocamere posteriori vedono protagonisti sensori così suddivisi:

  • Principale: 64 Mpx (Samsung GW1), f/1.8, 26mm, 1/1.76”, 1.8µm, PDAF
  • Ultra grandangolare: 8 Mpx, f/2.3, 119°, 16mm, 1/4.0”, 1.12µm
  • Teleobiettivo: 8 Mpx, f/3.4, 124mm, PDAF, OIS, 5x Zoom ottico, 60x Zoom digitale
  • Macro: 2 Mpx,  f/2.4

Sono presenti tutte le opzioni che oggi vanno per la maggiore, dall’intelligenza artificiale A.I. alla modalità UltraNight con ulteriore funzione “astro” per scattare immagini alla luna fino, da qui il nome, al potente teleobiettivo che permette ingrandimenti 5X ottici e fino a 60X digitali. Sul fronte selfie realme X3 SuperZoom sfoggia ben due fotocamere:

  • 32 Mpx standard: f/2.5, 26mm, 1/2.8”, 0.8µm
  • 8 Mpx Ultragrandangolare:  f/2.2, 105°, 16mm, 1/4.0”, 1.12µm

Ma dopo tutta questa descrizione tecnica, anche decisamente noiosa, come si sarà comportato alla prova dei fatti, il mio realme X3 SuperZoom? Andiamolo a scoprire insieme.

Partiamo subito con quella che è la principale novità dello smartphone, e cioè la lente teleobiettivo che, come anticipato, permette ingrandimenti ottici fino a 5X e digitali fino a 60X. Diciamo che i risultati sono senza infamia sino ai 10X, oltre è un po’ avventurarsi nella terra di nessuno con l’introduzione di rumore digitale nell’ingrandimento massimo. Nei due esempi gli scatti sono a 1X, 2X, 5X, 10X e 60X.

[adrotate banner="10"]

Altra situazione nella quale realme X3 SuperZoom deve vedersela con una concorrenza agguerrita è quella della modalità “notte”. C’è un deciso miglioramento rispetto, ad esempio, a quanto avevo ottenuto con realme 6, ma siamo ancora un po’ lontani dai risultati dei migliori rivali, almeno secondo me. Giudicate voi, tenendo conto che, nell’ultima foto, il riflesso della lampada blu dell’acquario riflette parecchio sul vetro della vasca.

Non male, invece, l’intervento del flash che permette di illuminare la scena anche in spazi ampi.

Come detto, non manca una specifica modalità “Astro” per le riprese della luna e, in generale, del cielo notturno che, purtroppo, e me ne scuso, non ho avuto modo di provare.

realme X3 SuperZoom

Ultima fra le modalità in cui il realme X3 SuperZoom ha dovuto lasciare qualcosa per strada è quella macro. Nonostante la lente specifica, il rumore digitale è davvero importante.

Ma, per fortuna, di giorno e con condizioni di luce normale, realme X3 SuperZoom offre foto davvero belle, ricche di particolari, soprattutto quando inquadrate con la modalità 64Mpx. Anche le immagini con modalità ultragrandangolare non sono male. In questo ambito se la gioca ad armi pari con i migliori rappresentanti del settore mid-level.

Anche le due fotocamere frontali, che permettono scatti in modalità standard e grandangolare (anche in video, ma non capisco perchè, durante la registrazione non si può passare da una all’altra) permettono di ottenere ottime immagini, compresa la famosa funzione bokeh.

E la registrazione video? Mah… Confesso di non essere in grado di esprimere un giudizio univoco. Si possono effettuare riprese in FullHD e 4K @60fps ma, cosa molto strana, realme X3 SuperZoom non mantiene le impostazioni ed ogni volta che si esce dall’applicazione fotocamera, il settaggio torna a FullHD @30fps. In 4K si perde la possibilità di usare la lente teleobiettivo ma, in compenso, abbiamo ben due modalità di stabilizzazione: “steady” e “steady Max”. Oltre a non aver notato grosse differenze fra una e l’altra, l’intervento non riesce ad annullare del tutto il tremolio creato dal movimento. Di buon livello le registrazioni delle due fotocamere anteriori, solo in FullHD @30fps.

Scritto da

Coordinatore Infermieristico per professione... Blogger per passione. Devo aggiungere altro?