realme C35, la recensione @TheGeekerz: entry-level di sostanza!

realme C35

199.00
8

Prezzo

10.0/10

Peso

8.5/10

Fotocamere

8.0/10

Software

7.0/10

Prestazioni

6.5/10

Pros

  • Value for money
  • Fotocamere
  • Display
  • Peso
  • Batteria

Cons

  • Ancora Android 11
  • Prestazioni
  • Hardware
  • Software
  • Manca cover in confezione

Ci sono entry-level ed entry-level: il realme C35, in prova da qualche giorno, offre tanta sostanza  a tutti quegli utenti che necessitano di uno smartphone senza fronzoli.

realme C35, la confezione

Con la scatola del realme C35 si torna al classico colore giallo che, da sempre, contraddistingue i modelli entry e mid-level della casa. All’interno della confezione la solita dotazione cui siamo abituati ma, stranamente, con un’eccezione inattesa. Spazio, quindi a cavo USB “C”, caricatore DART da 18 Watt, pin per il carrello porta SIM e manualistica. Manca la cover in silicone che, a mio parere, non avrebbe influito sul prezzo finale di vendita. Peccato, perché la tipologia di utenza che si indirizza verso questi dispositivi non vuole perdere tempo alla ricerca degli accessori.

VOTO: 6,5

Costruzione, Materiali, Design, Ergonomia

Plastica per la scocca, plastica per il frame e plastica per i tasti. Ovviamente la scelta dei materiali per il realme C35 non poteva prevedere vetro ed alluminio, vista la necessità di offrire uno smartphone che non deve incidere in maniera importante sull’economia domestica. In ogni caso la costruzione è impeccabile, con uno stile che lascia da parte le curve per offrire un prodotto che, pur ricordando un mattoncino, favorisce l’essenzialità delle linee. I bordi sono perfettamente squadrati, scelta che mi trova assolutamente favorevole, con i tasti che si inseriscono nella cornice senza giochi o scricchiolii. Il pulsante di accensione incorpora, in una sorta di incavo che accoglie naturalmente il pollice (non saranno molto contenti i mancini), il sensore delle impronte digitali, preciso e abbastanza veloce. Non tende a scivolare dalle mani ed in questa colorazione Glowing Green risalta il lavoro degli ingegneri per renderlo elegante ed in grado di distinguersi dalla massa dei concorrenti. Non è un telefono piccolo ma, in ogni caso, con un peso contenuto in 189 grammi, non desta grosse preoccupazioni in termini di maneggevolezza ed ergonomia. Bello il display LCD IPS che incoprpora la fotocamera anteriore in un notch a goccia un po’ fuori moda. Ottima la scelta di mantenere il jack cuffie.

VOTO: 7

Hardware & scheda tecnica

In fase di presentazione, avevo manifestato una certa curiosità per il processore Unisoc Tiger T616 (12 nm), dato che non avevo mai avuto modo di provarlo. Nella sezione dedicata alle prestazioni sarò più esaustivo, ma posso anticiparvi che non è il caso di aspettarsi performances da urlo. Vediamo la scheda tecnica completa:

  • Display: LCD IPS da 6,6 pollici, FullHD, luminosità 600 nits
  • Processore: Unisoc Tiger T616 (12 nm)
  • Scheda grafica: Mali-G57 MP1
  • RAM: 4 GB (esiste una versione da 6 GB che non è disponibile in Italia)
  • Memoria: 64/128 (versione in prova 128 GB) UFS 2.2, espandibile con MicroSD
  • Sistema operativo: Android 11, Realme U.I. 2.0
  • Fotocamere posteriori: principale 50 Mpx, f/1.8, 26mm (wide), 1/2.76″, 0.64µm, PDAF; macro 2 Mpx, f/2.4, profondità 0,3 Mpx, f/2.8
  • Fotocamera anteriore: 8 Mpx, f/2.0
  • Connettività: USB “C” 2.0, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, hotspot, Bluetooth 5.5.0, A2DP, LE, 4G, Dual-SIM
  • Extra: radio FM
  • Sicurezza: sensore impronte laterale, sblocco con riconoscimento 2D del volto
  • Batteria: 5000 mAh, ricarica rapida Dart a 18 Watt
  • Dimensioni: 164.4 x 75.6 x 8.1 mm
  • Peso: 189 grammi
  • Colori: Glowing Black, Glowing Green (versione in prova)

Il modello di realme C35 in prova è quello in configurazione 4/128 GB, la più potente disponibile, visto che la versione con 6 GB di RAM non è commercializzata in Italia. Ottima la scelta che permette di sfruttare una MicroSD per espandere la memoria (fino ad 1 TB) senza dover rinunciare ad una delle due SIM. La batteria è la stessa 5000 mAh vista su altri dispositivi realme, anche di fascia superiore e supporta la ricarica rapida DART a 18 Watt.

VOTO: 7

Software

Il realme C35, alla prima accensione, genera più di una perplessità, perché offre all’utente ancora Android 11 e la realme U.I. 2.0. peraltro in una versione alleggerita per non pesare in maniera importante sul processore Unisoc. Manca qualcuna di quelle personalizzazioni tipiche dei dispositivi realme ma, in ogni caso, l’usabilità del telefono non ne risente granchè. La speranza, ma non ci scommetterei più di un Euro, è che arrivi l’aggiornamento ad Android 12, in modo da allungargli la vita almeno fino ai tre anni di utilizzo.

Le patch di sicurezza sono dello scorso Febbraio e la gestione del realme C35, anche con questa versione in scala ridotta dell’interfaccia proprietaria, soffre di qualche bug  di troppo. Colpa, più che del SW della parte HW, che mostra qualche defaillance importante. Diciamo che, come anticipato in fase di presentazione, la velocità non è la sua peculiarità principale.

VOTO: 6,5

Comparto fotografico

La prova completa è disponibile QUI.

VOTO: 7

Prestazioni, autonomia e multimedialità

Non lasciatevi ingannare dalla solita immagine che inserisco per introdurre la sezione dedicata alle prestazioni. Il realme C35 non ha affatto gradito Asphalt 9, dimostrando tutta la sua contrarietà con un tempo lunghissimo impiegato per caricare il gioco e, in fase di gaming, blocchi e lag tali da avermi fatto desistire dalla prosecuzione della partita. Evidentemente il processore Unisoc T616, pur coadiuvato da 4 GB di RAM, non gradisce simili prove di forza. Decisamente meglio, per fortuna, in tutte quelle condizioni tipiche dell’utilizzo di un utente “normale”. I video scorrono via abbastanza bene e la resa dei filmati di YouTube può essere migliorata con l’opzione che aumenta la resa dei colori. Il display, con refresh-rate da 60 Hz, garantisce prestazioni più che buone, dimostrandosi uno dei punti di forza del realme C35 e, grosso, pregio, permette una buona visibilità anche sotto la luce diretta del sole. Appena discreto l’audio, emesso dall’unico speaker posto sul fondo della scocca ma, in ogni caso, più che sufficiente per l’utilizzo in viva voce o della radio FM in dotazione. Ottima, ma non avevo dubbi in merito, la resa della batteria che, grazie ai suoi 5000 mAh ed alle prestazioni poco energivore del processore, arriva a garantire quasi due giorni completi di utilizzo, se non ci diamo dentro con video e telefonate. Il caricatore con tecnologia DART da 18 Watt permette la ricarica completa in poco più di 55 minuti.

VOTO: 6,5

Connettività e comparto telefonico

C’è tutto quello che serve all’utente tipico di questa categoria di smartphone. Il realme C35 offre USB “C” 2.0, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, hotspot, Bluetooth 5.5.0, A2DP, LE, 4G, Dual-SIM. La velocità di navigazione garantita dalla rete 4G+ (io l’ho provato con SIM Very) permette di non rimanere “mai a piedi” anche nelle situazioni più ostiche, come l’utilizzo di Google Maps o la visione di, ad esempio, Netflix. nessun problema in chiamata.

VOTO: 7,5

realme C35, considerazioni finali

Alla fine di questa recensione del realme C35, mi sento di promuoverlo senza grosse riserve, a patto di non dimenticare mai quale sia il target di pubblico cui questo dispositivo è destinato. Il prezzo ufficiale di 199€ per la versione in prova 4/128 GB (179€ per quella 4/64 GB) è poco significativo, vista la possibilità di risparmiare qualche decina di Euro grazie ad offerte come QUESTA. Il realme C35 è lo smartphone ideale per tutti coloro che necessitano di un dispositivo pronto all’uso non appena terminata la configurazione, che faccia buone foto in tutte le occasioni più tipiche e che non costringa a doverlo rifornire di energia ogni due x tre. Ed in tutte queste situazioni, il realme C35 si è dimostrato imbattibile.

VOTO FINALE: 6,86

Scritto da

Coordinatore Infermieristico per professione... Blogger per passione. Devo aggiungere altro?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: