Motorola One Zoom

Motorola One Zoom, prova del comparto foto/video

Motorola One Zoom segna il tentativo della casa cino-americana di entrare con forza nell’affollato settore dei camera phone di qualità, proponendo un comparto fotografico di notevole fattura.

Motorola One Zoom

Motorola One Zoom, la sfida è lanciata

Il comparto fotografico del Motorola One Zoom, almeno sulla carta, è quanto di meglio si possa trovare su un dispositivo di questo livello, anche se il suo prezzo è leggermetne superiore a quello della migliore concorrenza, ad esempio Xiaomi Mi 9T Pro, appena recensito. Sul retro, inglobato in un bel supporto rettangolare che ospita anche lo scenografico simbolo della casa (che si illumina con il buio), troviamo, infatti, ben quattro sensori.

Motorola One Zoom

I sensori sono distribuiti secondo lo schema che vedete nell’immagine qua sopra. Troviamo il principale da 48 Mpx quad-pixel, f/1.7 e stabilizzatore ottico, l’ultra grandangolare da 16 Mpx a 117°, il teleobiettivo da 8 Mpx che lavora come ottico fino a 3X e ibrido fino a 10X ed è anche lui stabilizzato otticamente. L’ultimo sensore è quello da 5 Mpx deputato a raccogliere le informazioni sulla profondità. A completare il quadro troviamo, ospitata nel piccolo notch, la fotocamera anterioe da 25 Mpx. Non mancano, ovviamente, le funzioni più in voga del momento come una fantastica “modalità notte” e l’immancabile funzione ritratto che, a mio parere, è una delle migliori che io abbia mai visto. Ma, con tutti questi sensori, come scatta le foto il nostro Motorola One Zoom? Andiamo a dare un’occhiata.

Le prime tre mostrano i classici scatti in modalità, nell’ordine, grandangolare, 3X 3 1X. Grazie alle ottime condizioni di luce, gli scatti appaiono nitidi e ben contrastati. Molto buono il comportamento della lente grandangolare, che non distorce i bordi ed include nella foto tantissimi particolari. Molto naturale i colori, tanto che è facile notare le sfumature di verde dell’erba del prato di fronte a casa mia.

Vediamo ancora qualche esempio.

Il Motorola One Zoom, in questa tipologia di scatti, combina le informazioni del sensore da 48 Mpx e del teleobiettivo. Mi pare che il risultato sia di tutto rispetto. ottima anche la funzione notturna, come abbiamo visto anche nella prova dei Guerrieri della Notte. Anche in quelle scattate con l’ausilio del flash, il dispositivo offre risultati molto interessanti.

Sottolineavo prima l’ottimo risultato ottenuto in modalità ritratto, nella quale il Motorola One Zoom offre più livelli di sfocatura, sia con la fotocamera anteriore (che scatta anche ottimi selfie “normali”) che con quella principale. Giudicate voi!

Vi lascio un’altra selezione di scatti, macro e normali, in cui si nota come il Motorola One Zoom sfrutti ottimamente le condizioni di luce ottimali. Mi sembra molto interessante come le foto di Rock, il cane di mio fratello, siano ricche di particolari, riprodotti con estrema naturalezza, come il pelo fulvo.

Motorola One Zoom, ed i video?

Qui il discorso si fa un po’ più complicato ed il Motorola One Zoom non regge il confronto della migliore concorrenza. Non tanto per la qualità del video, qui registrato in formato 4K, che si giova anche di un’ottima stabilizzazione ottica, ma per la necessità ancora più che nelle foto, di condizioni di luce ottimali. Oggi era una bella giornata ed il risultato è buono (anche dalla fotocamera anteriore in FullHD) ma, come detto, le cose peggiorano leggermente con luce scarsa. Molto buona, invece, la registrazione audio.

Scritto da

Coordinatore Infermieristico per professione... Blogger per passione. Devo aggiungere altro?