Motorola Moto g10, la recensione @TheGeekerz

189.00
8.3

Android 11 quasi stock

10.0/10

Memoria (espandibile)

9.0/10

Autonomia

9.0/10

Design

7.5/10

Prestazioni

6.0/10

Pros

  • Autonomia
  • Andorid 11
  • Jack audio
  • NFC
  • Mermoria

Cons

  • Prestazioni
  • Display
  • Tempi ricarica lunghi
  • Prezzo
  • MicroSd rinunciando ad una SIM

Ed anche per l’entry-level della serie “G”,  Motorola Moto g10, è arrivato il momento della recensione @TheGeekerz.

Motorola Moto g10, la confezione

Sarà anche vero che gli auricolari cablati sono sempre più una rarità, per quanto io ritenga questo tipo di connessione migliore di qualsiasi “legame” wireless, soprattutto per ascoltare la musica ad un livello di qualità superiore, ma trovarli nella confezione del Motorola Moto g10 è stata una piacevolissima sorpresa: si contano sulle dita di una mano (e forse non servono neanche tutte) le aziende che offrono tale “regalo” nella scatola dei loro prodotti. La dotazione è completata dal caricatore da 10 Watt, dal cavo USB “C”, dalla cover in silicone trasparente (decisamente superflua vista la scelta dei materiali), dal pin per il cassetto SIM/MicroSD e dalla manualistica rapida. Particolare curioso: il colore del cartonato “anticipa” quello del Motorola Moto g10 all’interno (Aurora Grey, in questo caso).

Costruzione, Materiali, Design, Ergonomia

Inutile cercare materiali pregiati sul Motorola Moto g10: vista la classe di appartenenza non avrebbe nessun senso e, soprattutto, il prezzo schizzerebbe subito verso l’alto. Qui troviamo la cara, vecchia plastica ma, un plauso agli ingegneri, lavorata in modo da dare al dispositivo una spiccata personalità. Il retro, infatti, sembra disegnato dal vento, come fosse la sabbia fine di una spiaggia che segue la direzione delle folate. Particolare ancora più interessante, tale materiale risulta quasi totalmente refrattario alle impronte digitali, tanto da rendere (come detto più in alto) praticamente inutile l’utilizzo della cover in dotazione. Il Motorola Moto g10 non è certo uno smartphone piccolo, anzi… Ma l’equilibrata distribuzione del peso, comunque 200 grammetti ci sono tutti, non ne pregiudica eccessivamente la maneggevolezza.

Hardware & scheda tecnica

Altra sezione dove, causa prezzo di vendita, non si può pretendere un HW da top di gamma. Abbiamo il processore Snapdragon 460, 4 GB di RAM, 128 GB di memoria, espandibile con MicroSD a patto di rinunciare ad una delle due SIM (pessima scelta), display LCD IPS da 6,5 pollici in risoluzione “solo” HD+. A parte la connessione 5G, c’è tutto quello che serve, compresi jack audio e chip NFC, cosa non comune nella fascia di prezzo del Motorola Moto g10. Il Bluetooth è in versione 5.0 ed il Wi-Fi è dual-band 802.11 a/b/g/n/ac. Motorola ha scelto di posizionare sopra il bilanciere del volume, in posizione non comodissima in verità, un tasto fisico specifico per Google Assistant. In tempi di digitalizzazione spinta e musica lossless, fa specie trovare la radio FM fra le applicazioni del Moto g10.

  • Display: IPS LCD da 6,5 pollici, risoluzione HD+ (720 x 1600 pixels), aspect-ratio 20:9
  • Processore: Snapdragon 460
  • Scheda grafica: Adreno 610
  • RAM: 4 GB
  • Memoria: 128 GB, espandibile con MicroSD
  • Batteria: 5000 mAh con ricarica a 10 Watt
  • Fotocamere posteriori: principale da 48 Mpx, ultra grandangolare da 8 Mpx, macro da 2 Mpx e profondità da 2 Mpx
  • Fotocamera frontale: 8 Mpx
  • Sistema operativo: Android 11, interfaccia personalizzata Moto Actions
  • Connettività: USB “C” 2.0, Jack 3,5mm, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, Bluetooth 5.0, NFC, GPS, Dual SIM, 4G LTE
  • Sicurezza: sensore impronte digitali sul retro scocca, sblocco con riconoscimento 2D del viso
  • Extra: Radio FM
  • Dimensioni: 165.2 x 75.7 x 9.2 mm
  • Peso: 200 grammi

Software

Trovare Android 11 su questo Motorola Moto g10, quando dispositivi ben più prestanti sono ancora in attesa di riceverlo, è un valore aggiunto al SW dello smartphone. La personalizzazione non stravolge l’interfaccia e consta delle famose gestures e features della suite Moto Action. Manca, non essendoci lo schermo AMOLED, la possibilità di mantenere il display sempre attivo, quindi si attiva solo alla ricezione della notifica. Possiamo, tramite l’applicazione “MyUX”, personalizzare alcuni aspetti della grafica di sistema. Le patch di sicurezza sono quelle dello scorso Gennaio e questo non depone sicuramente a favore della celerità nel rilascio degli aggiornamenti. Nel complesso non ci sono grossi problemi di gestione, ma bisogna fare i conti con una lentezza cui, francamente, non ero più abituato. Certo, non bisogna dimenticare che il Motorola Moto g10 non nasce per le esigenze di un’utenza “smanettona” ma, a volte, l’esperienza è alquanto frustante. Armatevi di pazienza, ne avrete bisogno per evitare arrabbiature impreviste.

Comparto fotografico

Prova completa del comparto fotografico QUI.

Prestazioni, autonomia e multimedialità

Partiamo subito dal display che, come detto, è un IPS LCD da 6,5 pollici con una risoluzione HD+. Non ci sono problemi particolari, se non una spiccata tendenza a trattenere (al contrario della parte posteriore della scocca) un sacco di impronte. In ogni caso le sue dimensioni generose permettono di godersi film e video senza problemi. Diverso il discorso se voleste utilizzare il Motorola Moto g10 come consolle gaming, non tanto per il display, ma per la già citata scarsa velocità di risposta di tutto il sistema, a volte davvero frustrante. Ma il saggio dice che “chi va piano va sano e lontano”, quindi sappiatevi regolare: in fondo, lo stesso saggio, dice che “la pazienza è la virtù dei forti”. L’autonomia garantita dalla batteria da ben 5000 mAh non desta nessun tipo di preoccupazione: anche nei casi di utilizzo più intenso, sarete sempre sicuri di arrivare alla fine della giornata. Se, invece, non sfruttate al massimo tutte le possibilità offerte da un moderno smartphone come il Motorola Moto g10, potreste fare a meno del caricatore da 10 Watt anche per “quasi” due giorni. Peccato per i tempi di ricarica un po’ troppo lenti che, però, sono caratterizzati dalla modalità “ottimizzata” la quale, per preservare la vita e la durata della batteria, quando lo collegate durante la notte ed attivate la sveglia, completerà il processo di ricarica solo nelle ultime due ore prima dell’allarme programmato. Discreto l’audio dell’unico altoparlante presente.

Connettività e comparto telefonico

Dal punto di vista della connettività c’è tutto quello che serve ed anche qualcosa in più, come il chip NFC, assente anche su concorrenti più costosi. Per quanto riguarda il comparto telefonico, stiamo parlando di un Motorola, quindi nulla da eccepire in ogni aspetto del comparto.

Motorola Moto g10, considerazioni finali

Motorola Moto g10 costa 189€ e per questa cifra (non proprio contenutissima in relazione alla concorrenza) vi mettete in tasca uno smartphone che saprà accompagnarvi durante la giornata senza grossi problemi. Ovviamente scordatevi la velocità (fin dalla fase di accensione, insolitamente lunga), prerogativa che non compete al nostro Moto g10. Per tutto il resto, compreso il buon comparto fotografico (quanto meno per il sensore principale da 48 Mpx), il rapporto qualità/prezzo potrà diventare ancora più vantaggioso se approfitterete delle offerte on-line come QUESTA di E-Price, che vi permetterà di entrare in possesso del Motorola Moto g10 per soli 138€.

Scritto da

Coordinatore Infermieristico per professione... Blogger per passione. Devo aggiungere altro?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: