Huawei P smart Z

Huawei P smart Z, prova comparto fotografico

Non si riposa neanche in vacanza a The Geekerz e, anzi, visti i panorami disponibili da queste parti, ne ho approfittato per mettere alla prova il comparto fotografico di Huawei P Smart Z.

Huawei P smart Z

Huawei P smart Z, 16 Mpx di onesto lavoro

La dotazione fotografica del Huawei P smart Z è composta da una doppia camera principale da 16 Mpx f/1.8 + 2 Mpx f/2.4 destinata esclusivamente alla misurazione della profondità di campo per l’effetto bokeh. La fotocamera anteriore, di tipo pop-up, è anch’essa da 16 Mpx con f/2.0.

Huawei P smart Z

Huawei P smart Z si comporta molto bene, soprattutto quando le condizioni di luce sono ottimali. I 16 Mpx della fotocamera principale, a riprova ancora una volta che non è la quantità dei pixels ma la loro qualità, si comportano davvero molto bene. Il dettaglio ed il contrasto sembrano quelli di dispositivi di livello superiore ed anche la resa dei colori non presta il fianco a critiche. Se proprio bisogna cercare un punto debole, forse è la difficoltà di rendere al meglio il bilanciamento del bianco. Ecco una galleria degli scatti che ho eseguito in questi due giorni:

[adrotate banner="10"]

Anche gli scatti con effetto bokeh non sono male, sia con la fotocamera principale che con quella anteriore, anche se si nota una certa tendenza all’impastamento (se mi passate il brutto termine) delle profondità. Ovviamente le condizioni di luce devono sempre essere perfette pena, come vedremo, un decadimento di qualità impossibile da non notare.

Huawei P smart Z è dotato della funzione “night mode”, adeguandosi così alla concorrenza che, anche nell’affollato settore dei mid-level, arricchisce la dotazione della fotocamera come per i dispositivi di livello più elevato. I risultati ottenuti, guardando le foto sul grande display dello smartphone, non sembravano male ma, una volta scaricati sul mio MacBook Air mostrano qualche difetto di troppo. La messa a fuoco, per quanto abbia cercato di rimanere più fermo possibile, non è il massimo e si nota anche una certa quantità di rumore digitale. La foto delle motociclette è stata scattata quando ancora il sole era ben alto nel cielo. Giudicate voi amici!

Huawei P smart Z può registrare video alla massima risoluzione FullHD @60 fps con la fotocamera principale e “solo” in HD con quella anteriore. Ovviamente non è presente nessun tipo di stabilizzazione e la registrazione tende ad essere sempre un po’ “ballerina” oltre che poco nitida. Più che discreto l’audio.

[adrotate banner=”3″]

Scritto da

Coordinatore Infermieristico per professione... Blogger per passione. Devo aggiungere altro?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: