xiaomi redmi note 3

Xiaomi Redmi Note 3: la recensione

Xiaomi Redmi Note 3 è un phablet del prezzo decisamente contenuto, ma che garantisce molte sorprese e soddisfazioni.

Xiaomi Redmi Note 3 è approdato sul mercato degli smartphone negli ultimi mesi del 2015, presentandosi con caratteristiche decisamente interessanti, soprattutto per un prodotto  dal prezzo sotto i 200€.

Ma procediamo per punti…

HARDWARE e CONNETTIVITA’

Il motore di questo Xiaomi Redmi Note 3 è un Mediatek Helio X10, processore octa-core Cortex A53 da 3Ghz, affiancato ad una GPU PowerVT6200 e 2GB di RAM. La memoria ROM è di 16GB non espandibili, ma esiste anche una versione da 32GB che, inoltre, propone 3GB di RAM.

Dal punto di vista della connettività troviamo il Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac dual-channel, Bluetooth 4.1 e il 4G, anche se manca la banda a 800Mhz. A questi si aggiungono ovviamente GPS, GLONASS,  USB OTG e il lettore di impronte digitali.

Elemento top delle specifiche tecniche è anche la batteria che, offrendo una capacità di ben 4000mAh, permette di raggiungere i due giorni di utilizzo normale. Se si ragiona invece sull’utilizzo stress (intenso), la giornata si finisce sempre con un ampio (AMPIO) margine.

MATERIALI e DESIGN

Dal punto di vista dei materiali utilizzati, Xiaomi Redmi Note 3 propone uno chassis unibody in alluminio satinato, con due inserti in plastica nelle parti superiore ed inferiore, dove sono alloggiate le antenne. La sensazione al tatto è di un prodotto solido e di qualità, a cui si aggiunge una buona ergonomia data dalla curvatura dei profili laterali. La finitura in alluminio risulta però un po’ scivolosa, con il cosiddetto effetto saponetta soprattutto quando si hanno le mani fredde.

DISPLAY

Il display è un IPS da 5.5″ FullHD (1920×1080, circa 403 ppi) che offre un buon risultato in termini di bilanciamento dei colori e contrasto, con un nero che quasi mai vira al grigio (solo minimamente se lo si guarda di taglio con la luminosità al massimo).

FOTOCAMERA

La fotocamere posteriore è da 13MP ed è in grado di registrare video fino alla risoluzione FullHD.

L’interfaccia del software che la gestisce è semplice, pulita ed intuitiva, ricca di filtri e con varie modalità di scatto tra cui scegliere.

Il risultato dello scatto è buono quando ci si trova in condizioni di luce ottimale, ma mostra alcune pecche quando la luce inizia a scarseggiare, con un po’ troppo rumore e qualche difficoltà nel mettere a fuoco alla perfezione.

Nei video la gestione dell’autofocus e dell’esposizione è rapida e precisa, anche se si nota qualche micro “scattino” nella registrazione durante il movimento. I video sono nitidi e ben definiti.

 

SOFTWARE e PRESTAZIONI

Xiaomi Redmi Note 3 sfoggia il software MIUI v7, OS proprietario di Xiaomi, basato sulla versione 5.0.2 di Android Lollipop. Come è classico della MIUI, l’interfaccia di sistema si allontana molto da quella stock di Android Lollipop, ma risulta sempre accattivante grazie alle sue linee flat ed i colori pastello. Ovviamente la personalizzazione con temi e font diversi è alla base della filosofia MIUI, tanto che se ne possono trovare per ogni gusto. Il software è ben ottimizzato con l’hardware montato su questo dispositivo, risultando reattivo e fluido nell’utilizzo quotidiano, senza proporre difficoltà neanche sotto stress.

CONCLUSIONI

Non c’è che dire, per 160€ (circa) questo Xiaomi Redmi Note 3 è una delle migliori scelte d’acquisto nella fascia dei 5.5″, con ottime prestazioni, ma anche finiture e materiali degne di un dispositivo di fascia superiore. Inoltre bisogna sempre ricordare i 4000mAh di batteria che sicuramente non guastano e sono decisamente un plus.

Acquistato su Gearbest.com

Scritto da

Il blogging è il secondo lavoro, ma la tecnologia è la prima passione. TheBulgaroShow!

Ti potrebbe interessare anche...