Meizu M5s

Meizu M5S lo smartphone con gli occhi a mandorla

Con Meizu M5S proviamo per la prima volta sul nostro sito un dispositivo della casa cinese e per questo voglio subito ringraziare l’ufficio stampa di Meizu per la cortese disponibilità.

Meizu M5S

Meizu M5S, il mid-level che invoglia

Meizu M5S è un dispositivo presente sul mercato italiano ormai da qualche mese, dopo la presentazione ufficiale avvenuta allo scorso MWC di Barcellona. Non fa nulla per nascondere la sua natura di dispositivo mid-level, a partire dalla scheda tecnica, che vede in primo piano un “vecchio” processore Mediatek MT6753, octa-core da 1,3 GHz, non proprio un fulmine di guerra. Per fortuna lo aiutano 3 GB di RAM, ad evitare eccessivi rallentamenti ed antipatici lag. La scheda tecnica completa recita:

  • Display: 5.2 pollici HD IPS 2.5D (1280×720), 4
  • Processore: MediaTek MT6753 octa-core a 64-bit a 1,3 GHz
  • GPU Mali-T720
  • Sistema Android 6.0.1 Marshmallow U.I. proprietaria Flyme
  • RAM 3GB LPDDR3
  • Memoria interna 32 GB espandibile tramite microSD fino a 128GB
  • Supporto dual-SIM (unica sim se si usa Micro-SD)
  • Sensore impronte digitali sul tasto home
  • Connettività: Wi-Fi Dual Band 5/2.4 GHz, tecnologia VoLTE, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n (2,4/5 GHz), Bluetooth 4.0 LE, GPS / GLONASS
  • Fotocamera posteriore da 13 MP con messa a fuoco PDAF in 0.2 s, F/2.2 e doppio Flash LED Dual Tone
  • Fotocamera frontale da 5 mega-pixel, F/2.0
  • Dimensioni: 148,2 x 72,5 x 8,4 mm
  • Peso: 143 g.
  • Batteria da 3000 mAh con ricarica rapida

Lo stile di Meizu M5S non colpisce certo per originalità, tanto che è difficilissimo non confonderlo con gli altri smartphone della sua categoria ma, in ogni caso, non rinuncia a qualche “vezzo” da premium, come lo chassis in alluminio, il display da 5.2 pollici 2,5D (anche se con risoluzione solo HD 1280×720), la ricarica rapida della batteria. Anche il comparto fotografico sembra niente male: la fotocamera posteriore da 13 Mpx sfrutta una costruzione con lenti a cinque elementi ed è equipaggiata con la messa a fuoco a detenzione di fase (PDAF). Ottima la scelta di posizionarla a filo con la scocca, in modo da evitare pericolose sporgenze.

Meizu M5S

Meizu M5S, un’interfaccia che disorienta

Alla prima accensione sono rimasto decisamente disorientato dalla UI proprietaria; è la prima volta, infatti, che mi trovo di fronte alla personalizzazione Flyme e ho faticato un po’ capire i passi necessari per scaricare le principali GApps che, ovviamente, non sono comprese nella dotazione di serie. La versione di Android (praticamente stravolta dalla U.I.) è ancora Marshmallow. Vedremo nei prossimi giorni, durante i nostri abituali test, come sarà il mio rapporto con Meizu M5S, uno smartphone particolare, almeno per me. In particolare mi preme verificare le prestazioni telefoniche e di navigazione perchè, nonostante il supporto alla connessione LTE, Meizu M5S manca della banda 20.

Stay tuned!

Scritto da

Coordinatore Infermieristico per professione... Blogger per passione. devo aggiungere altro?

Ti potrebbe interessare anche...