costi roaming

15 Giugno 2017: la morte dei costi Roaming in Unione Europea

“E venne il giorno”, citava il titolo di un orrendo film catastrofico che vedeva Mark Wahlberg come protagonista. Un titolo azzeccato anche per la giornata di oggi: i costi Roaming non esistono più.

Cosa significa questo?

A partire dalla giornata di oggi, potrete oltrepassare il confine Italiano con destinazione un altro stato UE, continuando ad utilizzare i minuti, gli SMS e i GB della vostra tariffa italiana. Senza nessun costo aggiuntivo. Da oggi, non esisteranno più le costose promozioni Estero, che offrivano per pochi giorni un ridottissimo quantitativo di minuti e GB. Questo ovviamente sempre per quanto riguarda i paesi UE, trattandosi di un decreto fortemente voluto dalla commissione Europea e dai suoi paesi membri. Se volete invece andare in USA, Africa, Asia o qualche altro paese del continente Americano, qualche tariffa aggiuntiva dovrete comunque attivarla, trattandosi di paesi extra-UE.

Un modo per far sentire tutti gli utenti a casa, in qualsiasi paese dell’Unione si trovino. Un decreto accolto con forte anticipo da Tre e Wind, e che in modo velato era stato accolto anche da TIM qualche settimana fa. In ogni caso, da oggi, si tratta di una cosa ufficiale per tutti gli operatori Italiani, sia che si tratti di uno dei BIG, sia che si tratti di un’operatore virtuale (Fastweb, Poste Mobile, ecc..)

Un primo step, che non sarà l’ultimo. Il prossimo sarà quello di rimuovere i vincoli nazionali per i servizi streaming.

Immaginate: Sky GO oggi funziona solo sul territorio nazionale. Nel prossimo futuro sarà possibile partire per un viaggio di lavoro o per le vacanze, portandosi con sé l’intero pacchetto Sky. Non importa se saremo in Germania, Francia o Spagna.

Niente costi roaming…ma non solo!

Ovviamente, come anche per gli operatori mobile, sarà carico del service provider attivare un sistema di controllo per evitare che gli spostamenti nazionali non siano definitivi, ma solo momentanei. Questo per evitare coloro che vorrebbero sfruttare il decreto per eludere le differenze di costo del servizio tra le varie nazioni.

Per il momento, riposino in pace i costi roaming. Per lungo tempo ci hanno accompagnato, ma mai ci mancheranno…

Scritto da

Il blogging è il secondo lavoro, ma la tecnologia è la prima passione. TheBulgaroShow!

Ti potrebbe interessare anche...