moto g4

Moto G4 di Lenovo, la recensione

Moto G4 è uno smartphone entry level che segue ed evolve la linea Moto G di Motorola, anche dopo il suo passaggio a Lenovo. 

Prendendola larga e partendo dal confezionamento, Lenovo Moto G4 arriva con un packaging importante nelle dimensioni, ma che non rispecchia assolutamente il contenuto. Decisamente povero, con il solo telefono e il cavo di ricarica da 0.55A. Veramente troppo poco anche per un dispositivo di questa fascia di prezzo.

moto g4

Parlando però del dispositivo in sé, molto cambia rispetto ai vecchi Moto G. Soprattutto le dimensioni. Il display è infatti cresciuto fino a 5.5” e con esso anche le dimensioni generali. Risulta sempre interamente costruito in plastica, ma offre comunque un ottimo feeling al tatto. Moto G4 è infatti solido ed esente da scricchioli, con una cover removibile gommata e il profilo in plastica lucido. Rimuovendo la cover è possibile accedere allo slot delle due microSIM, con adattatore compreso, e a quello per la microSD, che non può però espandere la memoria interna del telefono, ma essere usata solo per i dati.

Guardando la struttura esterna di questo Moto G4, troviamo un profilo sinistro pulito, quello inferiore con l’ingresso microUSB, quello superiore con il jack per le cuffie e quello destro dove sono posizionati tutti i tasti. Per quanto riguarda quest’ultimi, il tasto accensione è zigrinato e facilmente individuabile. Il bilanciere del volume è forse un po’ troppo sottile, risultando a volte un po’ difficile da premere.

moto g4

La parte posteriore è interamente dedicata alla fotocamera da 16MP con flash LED, mentre nella parte frontale è rilevabile l’unico altoparlante, di chiamata e di sistema, e la Cam da 5MP.

Oltre a crescere di dimensioni, il display raggiunge finalmente la risoluzione Full HD. L’IPS da 1920×1080 pixel di questo Moto G4, oltre ad avere una buona densità di pixel, sorprende sotto due aspetti importanti: un’ottima leggibilità sotto la luce diretta e un angolo di visuale “estremo”, senza far virare eccessivamente i colori. Dal punto di vista del bilanciamento del colore, Lenovo avrebbe potuto fare qualcosa di meglio. Il display tende infatti un po’ troppo al giallo e a tonalità calde, mentre la gestione software risulta decisamente limitata.

moto g4

Ovviamente non è solo display questo Moto G4. Al suo interno si può infatti trovare un ottimo processore Qualcomm Snapdragon 617 octa-core affiancato a 2GB di RAM e 16GB di memoria interna espandibile solamente per i dati. Presente il supporto Dual-SIM, ma fiore all’occhiello è la batteria da 3000mAh.

Per la connettività non manca niente: LTE, Wi-FI dualband, bluetooth 4.1, GPS con Glonass e Radio FM.

Per quanto riguarda ricezione e qualità in chiamata, l’ho provato sotto rete tre e non ha mai dato problemi di segnale, con una connessione stabile e senza buchi nel passaggio da tre a roaming e viceversa. L’esperienza in chiamata è nella media. Ci sentono bene e noi sentiamo bene, con un livello del volume nella capsula auricolare abbastanza alto.

Il sistema operativo si allontana di pochi passi dall’esperienza stock di Android 6 Marshmallow. Quel poco che c’è però è almeno utile. Lenovo mantiene nel Moto G4 l’utilissimo Moto Display, oltre a qualche gesture interessante. Come detto prima, sarebbe stata gradita qualche personalizzazione ulteriore per il display.

Fluido e reattivo, questo Moto G4 non fa sentire alcun tipo di mancanza per la user experience di un dispositivo di questa fascia. Buona esperienza di navigazione web con Chrome, ma anche la gestione del multitasking e di ogni passaggio e animazione nella UI.

L’app della fotocamera è molto semplice, ma efficace. Forse un po’ troppo lenta come punta e scatta, ma con un HDR che fa molto bene il suo lavoro. Sono presenti varie modalità, ma soprattutto una funzione manuale ricca e completa. Dal punto di vista dei risultati, questo Moto G4 mi ha sorpreso soprattutto nella nitidezza degli scatti, con buona luminosità e nelle macro. Non il miglior smartphone del mondo per le foto con scarsa luminosità, ma anche tanti TOP gamma peccano in questo frangente.

I video in FullHD sono fluidi e nitidi, senza scatti anche nelle transizioni. Rapido anche il cambio di esposizione e di messa a fuoco, che può anche essere gestito manualmente.

In termini di autonomia questo Moto G4 non sorprende. Nel senso che si comporta come ci si aspetta che si comporti uno smartphone con 3000mAh di batteria. Una giornata stress, con tanta navigazione e gaming superata senza problemi, ma soprattutto 2 giorni pieni di autonomia in una giornata di utilizzo normale. Presente ovviamente il risparmio energetico, ma si tratta di quello standard di Android.

Moto G4: conclusioni

Un prodotto di fascia bassa che soddisfa, piacevole nell’utilizzo e ottimo in due principali aspetti: la fotocamera e la leggibilità del display.

Pensando che lo si può trovare a 200€, risulta un ottimo acquisto sia come muletto che come primo telefono, ovviamente per gli utenti meno esigenti e attenti al prezzo.

Lenovo Moto G4

Lenovo Moto G4
70

Fotocamera

8/10

    Prestazioni

    7/10

      Hardware

      7/10

        Display

        8/10

          Design

          6/10

            Pros

            • Leggibilità del display al sole
            • Ottime macro e foto nitide
            • Esperienza di utilizzo consistente
            • Autonomia superlativa

            Cons

            • Solo plastica
            • Poca personalizzazione
            • Confezione misera

            Scritto da

            Il blogging è il secondo lavoro, ma la tecnologia è la prima passione. TheBulgaroShow!

            Ti potrebbe interessare anche...