Acer a fianco dei giovani talenti nazionali

Acer a fianco dei giovani talenti nazionali che stanno cambiando il mondo grazie alle loro intuizioni e all’innovazione tecnologica.

Acer sempre in prima fila

Acer annuncia la propria partecipazione in qualità di azienda tutor agli Under 30, l’attesissima classifica annuale stilata da Forbes Italia, che racconta le storie di successo dei cento giovani che si sono distinti grazie alle loro idee imprenditoriali e al loro talento.
Valori quanto mai preziosi ed imprescindibili, che infondono un messaggio di positività e di fiducia nel futuro in un momento storico particolarmente difficile.

[adrotate banner="10"]

Acer, brand leader nel settore IT e tutor della categoria Consumer Technology, fornirà massimo supporto ai cinque progetti in cui l’innovazione tecnologica rappresenta un abilitatore, nonché uno strumento chiave per poter concretizzare intuizioni brillanti a favore della comunità.

Diego Cavallari, Country Manager di Acer Italy, sostiene con entusiasmo il progetto: “L’obiettivo che anima da sempre Acer è quello di migliorare ogni giorno la vita delle persone. Questo è possibile grazie a tecnologie sempre più all’avanguardia, che consentono alla comunità mondiale di evolvere, innovare e migliorarsi. Con questo spirito siamo lieti di essere a fianco degli Under 30 italiani, che con le loro idee fresche e disruptive contribuiscono a scrivere ogni giorno un futuro migliore. Nei prossimi mesi faremo il possibile per supportare loro e tutti gli ambiziosi progetti. Talento, innovazione e tecnologia sono le chiavi del domani. Noi, in Acer, vogliamo continuare a coltivarle.”

Tra gli Under 30 premiati nella categoria Consumer Technology troviamo i Co-fondatori di Young Platform (Andrea Carolli, Marco Ciarmoli, Andrea Ferrero, Alexandru Stefan Gheban, Daniele

Rinaldi, Samuele Raimondo), una startup che ha sviluppato una piattaforma per semplificare la compravendita di valute digitali; i Co-fondatori di Roomless (Andrea Degli Innocenti, Francesco Martini, Riccardo Matteoni, Andrea Primaverili), che hanno lanciato un portale per le locazioni immobiliari a medio termine, presente in 28 città italiane. La lista continua con i Co-fondatori di Digitazon (Saverio Mirto e Angelica Peretti), una piattaforma di vendita e acquisto di prestazioni e servizi digitali forniti da freelance e partite Iva; a seguire Riccardo Suardi, un ragazzo di 27 anni che grazie alla sua app Nibol ha permesso di ripensare le modalità di lavoro tradizionali, permettendo di prenotare spazi di lavoro anche nei bar; infine troviamo Giuliano Vita, CEO di Dishcovery, una startup che digitalizza i menù dei ristoranti e oggi conta quasi tremila clienti.

Scritto da

Coordinatore Infermieristico per professione... Blogger per passione. Devo aggiungere altro?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: