VOOC

VOOC di OPPO come ricarica rapida su OnePlus 3

VOOC è la tecnologia di ricarica rapida proprietaria di OPPO, che compete direttamente con QuickCharge di Qualcomm.

Non è una tecnologia nuova, OPPO la integra nei suoi principali smartphone fin dai tempi del Find 5 e Find 7 e continua a svilupparla per migliorarla. Attualmente è arrivata al nuovo Super VOOC, presentato all’ultimo Mobile World Congress di Barcellona.

Non è un segreto per nessuno il fatto che ci siano dei legami tra OnePlus e OPPO, basandosi sul fatto che la più giovane delle due aziende (la prima), fondata da ex dipendenti OPPO, deriva proprio dalla seconda.

Non è un segreto neanche il fatto che il OnePlus 2 avesse una grossa mancanza rispetto ai competitor: la ricarica rapida. Mentre tutti i top gamma proponevano un sistema di ricarica QuickCharge 2.0 di Qualcomm, il dispositivo dell’azienda cinese ne era sprovvisto.

Quale potrebbe essere il risultato della somma di queste due evidenze? Il fatto che OnePlus possa integrare il sistema di ricarica VOOC sul proprio flagship 2016.

Ovviamente si tratta solo di rumors, ma la cosa non sorprenderebbe più di tanto. Sembra però che, se tutto fosse confermato, OnePlus beneficerebbe semplicemente della versione standard della tecnologia OPPO, lasciando l’esclusiva del nuovo Super VOOC al suo creatore.

Ovviamente la domanda sorge spontanea: serviva veramente andare a recuperare la tecnologia di ricarica rapida proprietaria di OPPO? Non bastava integrare più semplicemente il sistema di Qualcomm, meglio riconosciuto dai consumatori internazionali?

 

fonte

Scritto da

Il blogging è il secondo lavoro, ma la tecnologia è la prima passione. TheBulgaroShow!

Ti potrebbe interessare anche...

  • Ricordo quando acquistai l’OPPO Find 7a, rimasi colpito dalla incredibile velocità di carica, sopratutto da 10 a 80%, velocità che però era garantita sfruttando il mostruoso caricabatterie originale che (se non ricordo male) arrivava ad erogare 4Ah. Sicuramente questa competizione tra Qualcomm e OPPO non può fare che bene all’utente.