sfera-di-cristallo

I veggenti non esistono

Come si fa a parlare oggi di dispositivi che usciranno tra 3/4/6 mesi? Lo si può fare seriamente o come i veggenti.

Parlare di specifiche tecniche basate su documentazioni, brevetti e altro o sparare cavolate a caso sperando di indovinare qualcosa e intanto attirare un paio di click. Sono queste le possibilità che si hanno quando ci si trova davanti alla tastiera e si vuole aprire una discussione su quello che i produttori offriranno all’utente.

Da alcuni anni i rumor, i leak e gli scoop (veri o presunti), si susseguono a ritmo frenetico e vedere un’immagine “trapelata” è all’ordine del giorno. Non perché i giornalisti e gli “insider” siano diventati più furbi o più opportunisti, ma perché i produttori hanno capito che facendo girare informazioni, si fanno tanta pubblicità gratis.

Oscar Wilde diceva: “Bene o male purché se parli” e in questo campo la regola è la stessa: far girare il nome e far parlare del prodotto e se non fossero gli stessi produttori a rilasciare informazioni sottobanco, si rischierebbe di far calare l’interesse.

Degli ultimi top di gamma si sapeva praticamente tutto già settimane prima della presentazione ufficiale, ma questo non ha diminuito l’interesse per il prodotto; anzi, ha creato grande hype.

C’è chi, però, approfitta di questo status e anziché parlare di specifiche reali o almeno plausibili, spara cavolate con il solo intento di attirare click.

I veggenti non esistono, almeno non nel mondo dell’informazione tecnologica.

Non esiste chi si dimentica il prototipo di un terminale al bar, come non esiste chi si fa scappare una mail al destinatario sbagliato con alcune immagini stampa. E non pensate che, se ad una certa fiera vengono presentate le cover di un dispositivo che ancora deve uscire, non sia una decisione valutata e approvata dai diretti interessati.

Non esiste neppure chi sa con certezza che il prossimo FoneFone 9 avrà il display 26K, probabilmente non lo sa neppure il produttore stesso.

Esiste però chi si informa, chi spulcia brevetti, chi ricerca certificazioni FCC, chi controlla le richieste di forniture di questo o quel componente e, su queste basi, intavola discussioni costruttive e articoli che possono dare spunti interessanti.

 

Scritto da

Malato di tecnologia della prima ora, #tecnoscimmiato per antonomasia e attento ad ogni novità che porti innovazione.

Ti potrebbe interessare anche...