Google IO

Google IO il resoconto della giornata

Di seguito il resoconto della prima giornata del Google IO che si è aperto oggi a Mountain View. Ringraziamo la splendida Giulia Agosto per i comunicati e le notizie.

Google I/O

Oggi è iniziata Google IO, la nostra conferenza annuale per gli sviluppatori. Sono cambiate tante cose dal nostro primo evento per gli sviluppatori 10 anni fa e ancora di più ne sono cambiate da quando è nata Google 17 anni fa. Se pensiamo ad allora, c’erano online 300 milioni di persone, connesse attraverso PC. Oggi queste persone sono più di 3 miliardi: la maggior parte di loro usa principalmente dispositivi mobili per avere informazioni, organizzare la giornata, andare dal punto A al punto B e rimanere in contatto. In un mondo in cui lo smartphone è diventato il telecomando delle nostre giornate, la mission di Google di “organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e utili” è oggi più vera e importante che mai.

Google IO: L’assistente Google 

Pensiamo a cosa è oggi l’esperienza di ricerca su Google: un panel con informazioni dettagliate su [Virus Zika] o un alert che ti informa che il tuo volo è in ritardo. Fa un certo effetto vedere come le cose sono cambiate da quei primi 10 link blu. Molti di questi passi avanti sono stati possibili grazie al machine learning e all’intelligenza artificiale (nello specifico aree come la comprensione del linguaggio naturale, il riconoscimento vocale e la traduzione) e ci hanno aiutato a creare un’esperienza sempre più utile e di assistenza agli utenti. Sono questi gli ingredienti che hanno reso il riconoscimento vocale di Google il più preciso al mondo e che vi permettono di fare una foto a una scritta in cinese e vederla immediatamente tradotta in inglese.
I progressi in tutti questi ambiti procedono a grandi passi e crediamo di essere oggi in un momento cruciale. Sempre più persone interagiscono con Google in modo naturale. Quello che fanno non è solo cercare informazioni. Si aspettano che Google li aiuti nelle loro attività quotidiane.

Ecco perché siamo così lieti di presentare… L’assistente Google.

Google I/O

Google IO: Google Home

Google Home è un dispositivo ad attivazione vocale che porta l’assistente Google in ogni stanza della vostra casa. Vi permette di ascoltare musica, gestire gli impegni quotidiani e ottenere risposte da Google – il tutto semplicemente parlando in modo naturale. Con un semplice comando vocale potrete chiedere a Google Home di riprodurre una canzone, impostare un timer per il forno, controllare lo stato del vostro volo o spegnere le luci di casa. E’ stato progettato per essere adatto ad un ambiente domestico e sarà disponibile in diversi colori e materiali. Google Home sarà disponibile per la fine di quest’anno.

Google I/O

Google IO: Allo e Duo 

Allo è una nuova app di messaggistica in cui è incluso l’assistente Google, in modo che possiate utilizzarlo nelle vostre chat, sia private sia di gruppo. Dato che l’assistente capisce ciò che dite, potete anche chiedergli informazioni come gli impegni in agenda o le foto del vostro ultimo viaggio. Se ad esempio state organizzando una cena tra amici, potrete chiedere all’assistente di suggerirvi un ristorante nelle vicinanze, sempre restando all’interno della conversazione.

Google I/O

Allo include infatti la funzione Smart Reply, che suggerisce risposte ai messaggi che ricevete in base al contesto e lo fa in modo divertente grazie a emoji, sticker e alla possibilità di essere creativi con le foto. C’è anche una modalità Incognito, in cui le chat sono protette da crittografia end-to-end, mostrano notifiche discrete e i messaggi hanno una scadenza temporale.
Insieme ad Allo, presentiamo oggi Duo, un’app per videochiamate tra due persone. Con Duo, il nostro obiettivo è rendere le videochiamate più veloci e stabili anche quando la connessione è lenta. Abbiamo inoltre creato una funzione chiamata Knock Knock, che mostra una anteprima video della persona che vi sta chiamando, prima che rispondiate.
Ma la cosa migliore è che tanto Allo quanto Duo si basano sul vostro numero di telefono, così potete comunicare con chiunque, indipendentemente dal fatto che si utilizzi Android o iOS. Entrambe le app saranno disponibili da quest’estate, qui potete trovare maggiori informazioni.

Google IO: Android N, Wear, VR e Instant App 

Oggi abbiamo condiviso alcuni dettagli sulle prossime novità di Android N, tra cui prestazioni migliori per grafica ed effetti, un minor consumo di energia e di spazio di archiviazione, download in background degli aggiornamenti di sistema, notifiche rinnovate per poterle gestire ancor più velocemente e ben 72 nuove emoji. Abbiamo bisogno del vostro aiuto per trovare un nome che inizi per N che possa essere il successore di Marshmallow. Qui potete saperne di più, seguite #NameAndroidN su Android.com/N.Google I/O

Oltre ad Android N, abbiamo sviluppato Daydream, una nuova piattaforma per la Realtà Virtuale in alta qualità da mobile. Insieme ai produttori Android stiamo lavorando a una nuova generazione di smartphone, condividiamo con loro il design di un visore e di un controller per la Realtà Virtuale che siano davvero immersivi, comodi e intuitivi. Anche le vostre app e i vostri giochi preferiti saranno disponibili su Daydream, oltre ovviamente alle app Google – come YouTube, Street View, Play Film, Google Foto e il Play Store. Altre ancora ne arriveranno questo autunno.

Abbiamo inoltre mostrato un’anteprima di Android Wear 2.0, nel quale abbiamo migliorato la user experience e aggiunto il supporto alle app stand alone, ossia che possono funzionare sull’orologio anche quando lo smartphone è spento.

Infine, presentiamo Android Instant Apps – che vi permette di avviare app Android instantaneamente, senza bisogno di alcuna installazione.

Google IO: Firebase

Oggi lanciamo una importante espansione di Firebase, la nostra offerta più completa per sviluppatori. Dalla nostra piattaforma gli sviluppatori possono velocemente sviluppare app di grande qualità, far crescere il numero dei loro utenti e guadagnare attraverso iOS, Android e il mobile web.

Google IO: Affrontiamo sfide globali con strumenti più intelligenti 

Il machine learning e l’intelligenza artificiale stanno cambiando non solo l’informatica, ma anche il modo in cui affrontiamo problemi che prima d’ora non siamo mai stati in grado di risolvere. Le opportunità sono ancora maggiori se si sfrutta la potenza deglistrumenti open source per mettere a disposizione queste tecnologie a tutta la community degli sviluppatori. Immaginate quello che potremmo fare se utilizzassimo queste tecnologie tutti insieme per affrontare le sfide del cambiamento climatico, oppure in ambito medico o educativo. A mano a mano che le nostre tecnologie di machine learning e intelligenza artificiale diventeranno più intelligenti e versatili, alcune di queste possibilità cominciano ad apparirci all’orizzonte. Si, stiamo vivendo un periodo storico davvero eccitante.

Per chi ha un po’ di tempo a disposizione, di seguito il video dell’evento.

Scritto da

Coordinatore Infermieristico per professione... Blogger per passione. devo aggiungere altro?

Ti potrebbe interessare anche...