Google annuncia i Pixel e una carrellata di grandi novità

Nella conferenza di oggi, Google ha annunciato moltissime novità non solo hardware (e non solo Pixel), ma anche a livello di filosofia, dando un assaggio di ciò che ci aspetta per il futuro.

Da oggi i Pixel sono realtà, niente di nuovo rispetto a ciò che era trapelato nei giorni scorsi, ma una chiara svolta per quanto riguarda la filosofia e l’integrazione software. I Pixel sono i primi smartphone con assistente vocale integrato (ma non doveva già esserlo Google Now? ndr), prodotti che avranno il chiaro scopo di portare la filosofia Google sui mercati. Niente più marchio del produttore (che sfortuna per HTC), materiali premium, assistenza dedicata, aggiornamenti continui che da ora in avanti arriveranno in background e non richiederanno l’intervento dell’utente.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I Pixel puntano al top sotto ogni punto di vista ed uno degli aspetti più curati è il comparto fotografico, che può vantare una fotocamera da 12.3 mpixel la quale ha fatto registrare un punteggio di 89 da DXOMark (nessuno smartphone attualmente in commercio ha mai fatto tanto), il tutto condito da un’applicazione migliorata e da spazio di archiviazione online illimitato anche per le foto a dimensione originale.

A differenziare i due dispositivi troviamo solo display e batteria: 5 pollici AMOLED Full HD e 2770mAh per il “normale” e 5,5 pollici AMOLED QUAD HD e 3450mAh per l’XL.

  • CPU: Qualcomm Snapdragon 821 con GPU Adreno 530
  • RAM: 4 GB LPDDR4
  • Memoria interna: 32 / 128 GB
  • Fotocamera posteriore: 12,3 megapixel Sony IMX378, con EIS, 1,55 um pixel, f/2.0, 4K@30fps, full HD@120fps, HD@240fps
  • Fotocamera frontale: 8 megapixel Sony IMX179, f/2.4
  • Connettività: LTE, Wi-Fi 802.11ac (2.4/5 GHz), Bluetooth 4.2, GPS, USB Type-C
  • OS: Android 7.1 Nougat

Se provate a correre sul Play Store per acquistarli avrete 3 pessime sorprese: la prima è che non ci sono ancora perché saranno venduti prima in America e pochi altri mercati (probabilmente perché l’assistente vocale non è ancora completo in tutte le lingue), la seconda è che i vecchi Nexus sono già stati rimossi e la terza (anche se questa non è ancora sicura) è il prezzo, perché la versione XL con taglio di memoria da 128GB (in alternativa c’è quella da 32) supera di poco i 1000€ (759€ per il Pixel da 32GB).

Non credo ci sian da aggiungere altro, questo parametro è il chiaro indizio di ciò a cui punta Google.

Google Daydream View

Non solo Pixel però, perché oggi si è anche parlato di realtà aumentata con Google Daydream View, i nuovi dispositivi per la realtà aumenta. Sono dotati di telecomando e possono essere indossati anche da chi utilizza occhiali da vista. La vera particolarità è forse proprio il telecomando, simile, come utilizzo, a quello in datazione con alcune smart Tv Samsung, ma molto diverso a livello di tecnologia. Consentirà di interagire con i vari menù, di selezionare le voci che interessano, ma anche di giocare in un modo nuovo, come non si è mai visto con uno smartphone.

In questo caso il prezzo è fissato a 79$.

Google Chromecast

Il Chromecast si rinnova, non tanto nel design quanto nell’hardware che da oggi supporta la riproduzione di contenuti in 4K, HDR e Dolby Vision. Un upgrade necessario per assecondare il mercato e che riguarda anche il Play Film nel quale (tra poco) verranno introdotti titoli in 4K. Sale il prezzo, che ora arriva a 69$.

Infine sono stati annunciati anche Google Home e Google WiFi; il primo è un dispositivo multifunzione per la casa, un piccolo assistente sempre connesso in grado di adempiere a determinate operazioni ordinate tramite comando vocale. Il secondo è un router WiFi che punta a semplificare la connettività casalinga. Google Home non arriverà mai sul nostro mercato.

Scritto da

Malato di tecnologia della prima ora, #tecnoscimmiato per antonomasia e attento ad ogni novità che porti innovazione.

Ti potrebbe interessare anche...

  • ilbulgaro89

    ero rimasto più colpito quando uscì nexus 6

  • I telefoni sono interessanti, anche se il prezzo e’ – a dir poco – esagerato. E poi l’uscita nel 2017? Mah.. tra 3 mesi si scontreranno con altri device di pari hardware (se non superiore) e dal costo molto piu’ basso (leggi: Xiaomi Mi5s , tanto per non far nomi..).

  • Pingback: Android Nougat 7.1 in arrivo la Developer Preview | TheGeekerz()