All’istituto “Pier Cironi” sbarca l’aula 3.0 di Acer Italia

Taglio del nastro per la classe interattiva, realizzata da Acer Italia  e TT Tecnosistemi con il contributo della scuola. Un esempio di collaborazione pubblico-privato a favore della formazione.
acer-italia
PRATO, 7 OTTOBRE 2016 – Una classe 3.0 completa di software innovativi, arredi componibili e tablet per rendere multimediali le lezioni didattiche. La tecnologia di ultima generazione sbarca negli spazi dell’istituto comprensivo “Pier Cironi” grazie alla collaborazione tra Acer Italia e l’azienda pratese TT Tecnosistemi, con il contributo della scuola. I due partner del mondo dell’Innovation Technology hanno deciso di donare alla struttura di viale della Repubblica i dispositivi e i materiali per allestire l’ambiente digitale, di cui potranno beneficiare durante l’anno tutti gli allievi. Un esempio prezioso di sinergia tra pubblico e privato a favore della formazione.
Questa mattina, alla presenza del dirigente scolastico Alessandro Giorni e degli assessori comunali alla Pubblica Istruzione e all’Innovazione Mariagrazia Ciambellotti e Benedetta Squittieri, è stata inaugurata l’aula interattiva. Alla cerimonia hanno partecipato la responsabile area educational di TT Tecnosistemi Ileana Bruschi, il responsabile area education di Acer Italia Riccardo Tavola e il direttore commerciale divisione commercial di Acer Italia Alessandro Barbesta.
La scelta è ricaduta sull’I.C.S “Pier Cironi” per l’attenzione che il plesso ha sempre rivolto alla tecnologia e agli strumenti al servizio del corpo docente, anche sul fronte dell’inclusione dei ragazzi con bisogni educativi speciali.
“La nostra scuola si pone da anni, come obiettivo prioritario, l’inclusione di tutti gli alunni ed è sensibile a tutte le esigenze specifiche – ha sottolineato il dirigente scolastico Alessandro Giorni -. L’ambiente digitale che inauguriamo oggi è patrimonio di tutto l’istituto scolastico, dall’infanzia alla secondaria di primo grado. Nell’ottica dell’apertura al territorio, non possiamo che pensare ad iniziative dall’esterno, che coinvolgano altri utenti e che rendano questa classe luogo di alfabetizzazione digitale per tutta la comunità locale e non solo per l’istituto”.
Nel dettaglio, sono stati forniti agli alunni 20 tablet 2 in 1, un notebook per il professore di turno e 30 banchi componibili (utili per creare gruppi di lavoro). Il tutto, con un occhio attento anche ai bimbi dislessici o BES: l’aula dispone, infatti, dei software TeacherMappe e SuperMappe della cooperativa Anastasis.
“Il nostro obiettivo è favorire la conoscenza attraverso la tecnologia, fornendo gli strumenti giusti per consentire a tutti di adeguarsi ai cambiamenti, senza snaturare i principi dell’istruzione – ha spiegato la responsabile area educational di TT Tecnosistemi SPA, Ileana Bruschi -. Digitale, innovazione e inclusione sono i valori che quotidianamente ci vedono impegnati in progetti di partnership con scuole del nostro territorio ma non solo. Questa classe rappresenta per gli alunni un’occasione di arricchimento personale, una palestra per tutto ciò che si troveranno di fronte nel loro futuro percorso professionale”.
Il laboratorio, aperto a tutti, potrà supportare concretamente l’attività didattica quotidiana della scuola.
“Con 40 anni di esperienza nel campo dello sviluppo di strumenti innovativi, Acer risponde pienamente alle esigenze del mondo education. Negli ultimi mesi abbiamo implementato aule digitali supportando docenti e studenti a fondare il proprio apprendimento su strumenti altamente tecnologici e al passo con i requisiti del mondo moderno, ha rimarcato il direttore commerciale divisione commercial di Acer Italia Alessandro Barbesta.
Gli insegnanti richiedono infatti dispositivi semplici da utilizzare che consentano loro di concentrarsi sulla creazione di lezioni interessanti piuttosto che sull’uso della tecnologia. Acer Classroom Manager, la nostra soluzione software per il mondo scolastico presenta un’interfaccia intuitiva e di facile utilizzo. Si può accedere a tutti i computer in classe, avviare in modo efficiente applicazioni o siti contemporaneamente su tutti i desktop degli studenti, mantenere un registro di presenze e di attività svolte, vedere cosa stanno facendo gli studenti, controllarne i progressi e testarne la comprensione. Un vero e proprio supporto nell’insegnamento di ogni giorno”.
Soddisfatti del progetto anche gli assessori Ciambellotti e Squittieri. “L’Amministrazione comunale sta potenziando le infrastrutture e questo tipo di iniziativa va in quella stessa direzione in termini di obiettivi finali – hanno affermato l’assessore Ciambellotti e Squittieri -. Siamo contenti che le scuole facciano un lavoro sulla didattica, servendosi di strumenti innovativi. Inoltre il fatto che aziende del nostro territorio e di livello nazionale si impegnino per dotare un istituto di questi dispositivi è per noi un segnale significativo, che dimostra che quando si condivide un percorso ne beneficia tutta la collettività. In città le competenze digitali sono sempre più richieste e rappresentano una delle chiavi per l’accesso al futuro”.
Al termine della conferenza stampa, l’aula è stata infine presentata ufficialmente anche agli alunni della scuola e alle loro famiglie, che hanno toccato con mano gli strumenti digitali messi a disposizione della struttura.

Scritto da

Coordinatore Infermieristico per professione... Blogger per passione. devo aggiungere altro?

Ti potrebbe interessare anche...